Brindisi: “Mazzette per un appalto da 40 milioni”

aprile 6, 2017 Sprechi Pubblici0

Corruzione e induzione indebita in concorso. Sono queste le accuse per Marco Franchini (Aeroporti Puglia), il capo dei vigili di Brindisi e un collaboratore della sindaca Carluccio. Pare che ci sia uno scambio illecito di soldi dietro la realizzazione dell’opera che collega l’ospedale allo scalo.

Il pubblico ministero Giuseppe De Nozza ha scritto nel registro degli indagati i nomi di Marco Franchini, il numero uno di Aeroporti Puglia, il comandante della polizia municipale di Brindisi, Teodoro Nigro, e il componente dello staff della sindaca, Francesco Zingarello. I tre indagati sono accusati di corruzione e corruzione per induzione indebita in concorso. Il pm crede che ci sia uno scambio di mazzette alla base degli accordi fra il Comune di Brindisi e Aeroporti di di Puglia per la realizzazione di un’opera da 40 milioni di euro destinata al trasporto dei passeggeri dalla città al Papola Casale.

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

L’origine del problema

Tutto cominciò nel 2011, “quando il Comune di Brindisi concede in comodato d’uso gratuito ad Aeroporti di Puglia l’area del parcheggio P8”, come ci spiega Sonia Gioia in un suo articolo di ieri per Repubblica. Mentre l’anno scorso il commissario prefettizio Cesare Castelli (subentrato al sindaco Mimmo Consales, arrestato il 6 febbraio per corruzione) consegna la gestione dell’area alla Multiservizi, società partecipata del Comune. In realtà la decisione non è altro che la prosecuzione di un accordo preso dall’amministrazione precedente, ovvero quella di Consales. Il 30 aprile il comandante della poliziastabilisce per decreto il cambio a favore della partecipata.

Il mega progetto

Tuttavia, inspiegabilmente, il passaggio di consegne non avverrà mai, dal momento che Aeroporti di Puglia chiede e ottiene una proroga nella gestione del P8, nonostante il parere del commissario e il decreto di Nigro. Da qui i dubbi del pm. “Nel frattempo viene eletta la sindaca Carluccio – continua l’articolo – e nasce la trattativa per la realizzazione del mega progetto finanziato dalla Regione Puglia: 40 milioni di euro per realizzare uno shuttle che trasporti i passeggeri dal Perrino (l’ospedale di Brindisi) all’aeroporto”.

Le mail

Qui nasce un altro problema: Zingarello, vicino alla sindaca, inizia a intrattenere un fitto scambio di mail con Franchini, il numero uno di Aeroporti di Puglia. “Nell’esclusivo interesse del Comune chiesi al direttore generale di stipulare un contratto d’affitto per la gestione del P8, somma destinata alle casse del Comune”, spiega Zingarello.

Le domanda del pm

Infine l’articolo pone due domande fondamentali: “Perché nasce l’esigenza di chiedere un affitto per la gestione di un parcheggio che fino a quel momento era stato gestito gratuitamente? Perché la gestione non è stata affidata di fatto alla Multiservizi sebbene ci fosse già una determina?” Ecco alcuni quesiti ai quali l’inchiesta dovrà rispondere.

Leave a Comment