Ecco che cosa accadrebbe se una bomba atomica esplodesse a Milano

aprile 5, 2017 News0

In questi giorni in cui le tensioni tra USA e Corea del Nord si inaspriscono sempre di più, proprio riguardo alla questione delle armi nucleari, noi ci chiediamo cosa accadrebbe se la stessa bomba di Hiroshima venisse lasciata cadere sopra Milano.

Il 6 agosto del 1945, gli americani fecero esplodere a 580 metri di altezza — altezza studiata per causare danni più pesanti alla città — sulla città di Hiroshima una bomba atomica. Causò oltre 70mila morti e altrettanti feriti, senza contare tutti coloro che ne subirono gli effetti nei mesi e negli anni successivi.

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

Il simulatore

Ma cosa accadrebbe se una bomba come quella venisse sganciata su una città italiana? Alex Wellerstein, storico della scienza statunitense, che lavora presso lo Stevens Institute of Technology, vuole rispondere proprio a questa domanda. Per questo motivo ha creato un simulatore che, grazie alle mappe di Google Maps, riproduce gli effetti che un’esplosione atomica potrebbe avere oggi. Vengono calcolate le conseguenze di tutte le tipologie di bomba atomica create fino ad oggi: dalla meno potente, la “Davy Crockett”, alla più spaventosa, la “Tsar Bomb”, da 100 Megatoni e di produzione sovietica.

Gli effetti su Milano

Il simulatore indica gli effetti di un’ipotetica esplosione in ogni città del mondo e presenta molte variabili: il tipo di bomba, l’altezza della detonazione. Se una Little Boy – quella di Hiroshima e oggi una delle meno potenti – venisse fatta esplodere esattamente sopra il Duomo di Milano, gli effetti sarebbero devastanti.

Il raggio di distruzione totale, con tassi vicini al 100% di mortalità e di distruzione degli edifici, sarebbe intorno ai 400 metri dal luogo dell’esplosione. In un raggio di poco meno di due chilometri la mortalità sarebbe tra il 50 e il 90%. Secondo i calcoli dell’applicazione in uno scenario come questo si conterebbero circa 78mila morti e oltre 200mila feriti, senza contare gli effetti a lungo termine, ovviamente. Al posto del Duomo di Milano ci sarebbe un cratere profondo 30 metri e largo 100.

Leave a Comment