La guida all’omologazione dei cerchi in lega

La guida all’omologazione dei cerchi in lega

Dal 15 Ottobre del 2015, con l’entrata in vigore del nuovo decreto che ha permesso di regolamentare il Sistema Ruote, si ha la possibilità di montare cerchi più grandi rispetto a quelli che sono indicati sul libretto di circolazione. Nello specifico, si possono montare i nuovi cerchi senza dover effettuare una specifica richiesta alla casa produttrice per ottenere il nulla osta. Questo è possibile solo nel momento in cui i cerchi siano omologati UN/ECE124 o NAD, in quanto la legge non si può applicare sui veicoli denominati come autocarri N1. Il decreto ministeriale Sistema Ruota dunque ha permesso di rivoluzionare e rendere anche più semplice le pratiche per procedere all’omologazione dei cerchi in lega.

Omologazione cerchi con nulla osta

Come abbiamo accennato, con il nuovo Decreto n.20 non è necessario richiedere il nulla osta alla casa produttrice, come avveniva prima del 2015. Naturalmente, ciò vale solo nel caso in cui si abbiano dei cerchi omologati NAD.

Certificato NAD

Per procedere all’omologazione cerchi è necessaria l’installazione di cerchi più grandi delle dimensioni previste dal proprio libretto di circolazione siano omologati NAD e presentino il numero di omologazione non solo sui cerchi ma anche sul pneumatico che si è scelto di installare.

I cerchi NAD infatti sono forniti in dotazione con uno specifico Certificato di Conformità che prende il nome di COC che serve ad attestare la loro idoneità. Oltre all’attestato di idoneità questi di solito sono accompagnati anche dall’ambito di impiego conosciuto anche con il nome di fitment list. Questo è un documento dove per tutte le vetture sono indicate le omologazioni del cerchio e le misure di gomme consentite. Dunque, le misure omologabili sono solo quelle presenti nell’ambito dell’uso del cerchio.

Per procedere all’omologazione dei nuovi cerchi dunque oggi non si chiede più il nulla osta, ma è necessario presentarsi  con il Certificato di Conformità COC e con la Dichiarazione di corretto montaggio da parte del gommista, ossia con l’allegato E, e prenotare un collaudo per poter procedere così alla corretta omologazione come previsto dal nuovo decreto Ruote n 20.

Cambiare misure dei pneumatici da libretto

Per cambiare le misure dei pneumatici da libretto è necessario innanzitutto scegliere le ruote e i cerchi che si desidera montare, rivolgersi a un gommista, non ad un qualsiasi sito di ricambi online, e procedere alla valutazione della giusta combinazione tra essi.

Per sapere se è possibile procedere all’omologazione dei cerchi sulla propria vettura, basterà ricercare una specifica richiesta al gommista, infatti sarà lui stesso a controllare l’omologazione NAD. Dopo di ché potrà richiedere il COC o Certificato di Conformità e compilare l’allegato E, necessario per ottenere il collaudo presso la Motorizzazione.

Dal momento in cui il collaudo non avviene in tempi brevissimi, alla prenotazione si può richiedere il permesso temporaneo per montare le ruote e i cerchi nell’attesa che il libretto venga aggiornato. Una volta che ci si presenta per il collaudo è poi necessario presentare il certificato di conformità, che viene fornito insieme al cerchio al momento del montaggio.

Dopo di ché si deve portare l’Allegato E che prevede una dichiarazione del gommista secondo il quale il montaggio è avvenuto in modo corretto. Al termine di tutti questi passaggi, è necessario portare i bollettini postali pagati, che presentano dei prezzi che variano a seconda della regione in cui ci si trova. Come accennato la dichiarazione per la corretta installazione viene rilasciata dal gommista che ha effettuato il montaggio delle ruote e dei cerchi sull’auto. Però bisogna fare attenzione affinchè la provincia della motorizzazione debba essere la stessa in cui opera il gommista. Solo così è possibile ottenere poi la modifica sul libretto di circolazione.

Fonte: https://www.fiorinigomme.com/