Omar Galanti, il re del porno si confessa

aprile 3, 2017 Interviste0

Un’intervista pazza ad opera di David Parenzo e Giuseppe Cruciani all’arcinoto attore porno piemontese che doveva diventare l’erede di Rocco Siffredi, ma che ha mollato troppo presto, ormai 4 anni fa. Ecco i momenti salienti dell’intervista.

“Mi sono ritirato dal porno nel 2013 (…). Ho deciso di fare il papà a tempo pieno. Adesso ha undici anni e fra qualche anno le spiegherò quello che facevo; non ho nulla da nascondere”. L’ex re del porno si apre e parla di tutto anche degli inspiegabili problemi con il fisco: “mi stanno massacrando, quasi 1 milione di euro di cartelle esattoriali”.

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

La morsa del fisco

In perfetto stile Zanzara, lo spassoso e folle programma che va in onda su Radio 24, l’intervista prende subito la giusta piega. Prima però lo sfogo contro il fisco italiano, lo Stato che gli sta portando via tutto: “poco tempo fa mi è arrivata una cartella esattoriale che mi ha piegato in due. Stanno ancora dando avanti, sostengono che ho guadagnato milioni di euro anche se vado in giro con una Berlingo”. Poi con ironia racconta di “un finanziere che si è messo a guardare tutti i miei film, si sarà fatto una marea di pippe. Scena per scena, le attrici, gli attori, i posti, hanno ipotizzato quanto avrei guadagnato: hanno calcolatomille euro a scena. Ma chi li ha mai presi? Magari. Ha fatto bene Rocco ad andarsene in Ungheria”.

La gara

“Quali sono le tue misure Omar?”, chiede Cruciani ansioso di far uscire le viscere del discorso. “24 di lunghezza”, risponde senza esitazioni, “anche se il mio è storto verso sinistra e sembra più corto. E 7 di diametro”. “Più grosso il tuo o quello di Rocco Siffredi?”, lo continua ad incalzare il conduttore dell’irriverente programma radiofonico: “Di diametro il mio. Lui è primo in tutto, lasciatemi almeno il diametro”.

Il sesso anale

Il sesso anale sta diventando un argomento cruciale della Zanzara e sicuramente Galanti è la persona giusta a cui chiedere un parere per togliersi qualche dubbio e agitare un po’ gli animi più inquieti: “è così drammatico come racconta la professoressaDe Mari?”: “Innanzitutto bisogna saperlo usare. Anale non fa male quando è duro. Scivola di più. Immaginate il copertone di una macchina gonfiato a diciotto atmosfere. Quando voi accelerate slitta sul fondale – continua l’intervistato -, quando è molle ha più aderenza e strappa. Quando il pisello è duro entra e scivola bene, molle invece strappa e fa male. Non è teoria, è pratica applicata. Se la professoressa De mari ha bisogno, mi rendo disponibile”.

Il sogno di Omar

Ora “sono felicemente sposato e ho due bambini. (…) Ho scopato tanto e mia moglie ha avuto un’apertura mentale incredibile. Il mio sogno erotico? Trombarmi una morta”. Tu chiamala se vuoi: necrofilia…

Leave a Comment