Roma: assessore al lavoro indagato per una causa di lavoro

aprile 12, 2017 Le Città0

Purtroppo l’abbiamo capito: nella Capitale il Movimento 5 Stelle ha smarrito la via. L’ultima grana della giunta Raggi è un’indagine a carico dell’assessore al lavoro.

Le continue scosse

Dopo il caos dei Municipio, sulla giunta Raggi si abbatte una nuova tegola. Questa volta, però, la situazione è grave. Più di quanto lo sia stato fino ad ora. La vicenda colpisce direttamente uno dei pilastri del Movimento, sulla base del quale il 70 per cento dei romani avevano riposto la loro fiducia in Virginia Raggi: l’onestà. Mai più indagati in politica, ci avevano promesso. Così, evidentemente, non è. Nel curriculum dell’assessore al Commercio Adriano Meloni c’è una sentenza di condanna per una causa di lavoro che risale all’11 febbraio 2016. Il paradosso di tutta questa storia è che il caro assessore Meloni, tra le tante deleghe, si ritrova anche quella al “Lavoro”. Sarebbe come dare la delega all’ambiente a chi ha gestito i rifiuti a Roma per tutti questi anni – cosa che, purtroppo, la Raggi ha fatto.

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

La vicenda

La vicenda inizia nel 2010 quando una ragazza – della quale, per ragioni di privacy, terremo nascosto il nome – trova lavoro per la società che lavora nel campo del turismo di cui Meloni è amministratore dal 2008. “Il suo contratto è di collaborazione a progetto e viene rinnovato per quattro volte” si legge sull’articolo. Il problema nasce quando la ragazza va in maternità e si accorge che le arriva molto meno dell’80 per cento dello stipendio previsto per legge. “Ho scoperto che accadeva perché mi venivano versati meno contributi del dovuto. Sembra solo un errore formale, invece lo stesso fenomeno si verifica pure durante la seconda maternità” racconta.

Onestà tradita

Martina fa pressione per farsi versare tutti i contributi ma al momento di rientrare al lavoro, nel gennaio del 2015, le viene mandato un sms che interrompe il rapporto di lavoro. L’11 febbraio del 2016 il tribunale condanna Meloni. Ci avevate promesso onestà e pulizia, e ci ripagate con un pregiudicato che nega lo stipendio a una ragazza in maternità. Troppe volte vi siete smarriti, troppe volte avete disatteso le nostre aspettative. Roma aveva bisogno di cambiamento, purtroppo sono tornate palude e vecchia politica. 

Leave a Comment