Scoop Report: soldi e caviale a Volonté (Udc) dall’Azerbaigian

Il programma di Rai Tre ha fatto chiarezza sugli oscuri rapporti tra l’Italia e il paese caucasico. Coinvolto un euro deputato UdC

La punta di Report

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

“Il Consiglio d’Europa” si legge nella sintesi di una puntata del popolare programma d’inchiesta “è la storica organizzazione che promuove i valori democratici e i diritti umani. Alcuni politici azeri hanno capito quanto le istituzioni europee siano fragili ed è proprio qui che nasce la cosiddetta diplomazia del caviale. Secondo gli inquirenti milanesi il deputato italiano Luca Volontè avrebbe intascato una tangente di due milioni e trecentonovantamila euro per far bocciare un rapporto sui prigionieri politici sfavorevole al governo azero”.

Quasi tre milioni di euro

L’inchiesta ha avuto il merito di fare luce sui rapporti tra Italia e Azerbaigian, ricchi di idrocarburi e di caviale. Petrolio e soldi, carburanti privilegiati della politica italiana. Nel corso della trasmissione viene intervistato Luigi Vitali, commissario di Forza Italia in Puglia ed ex rappresentante della delegazione parlamentare al Consiglio d’Europa di Strasburgo. Parla di caviale ricevuto dal Paese caucasico e di “soldi”, senza specificare di cosa si tratti. Il denaro in questione, secondo quanto si apprende dall’inchiesta, sono i “2 milioni e 390mila euro su cui indaga la Procura di Milano, che ha aperto un fascicolo per corruzione e riciclaggio a carico di Luca Volontè, ex deputato dell’Udc e presidente del Ppe nel Consiglio d’Europa”.

Lo scopo

I soldi, a quanto si apprende, sarebbero stati erogati in modo da corrompere alcuni politici e indurli a votare contro il rapporto sui prigionieri politici azeri, che includono dissidenti e giornalisti. Un altro scandalo investe la politica italiana. Un’altra scarica di melma cala su una classe dirigente penosa e corrotta.

Leave a Comment