Siria: “le bugie dell’occidente”. Parla Giulietto Chiesa

Intervistato da Andrea Barcariol su Intelligonews, circa la tragedia siriana, le cui immagini che ritraggono bambini morti agonizzanti a causa del brutale gas hanno invaso il web, l’esperto di geopolitica e di Russia, va dritto al punto: è una “menzogna organizzata” per colpire Assad e Putin. Facciamoci qualche domanda in più.

Tutti che si concentrano sul dito. Fortuna che a guardar la luna c’è Giulietto Chiesa. Uno dei pochi che tenta di andare oltre l’informazione massificata; il pensiero unico servo di un sistema ben collaudato; la classica lettura del giornalista prezzolato o di chi, semplicemente, abbocca a tutto ciò che viene sapientemente dispensato dal grasso mercato delle multinazionali americane, che, come noto, tira le fila delle democrazie occidentali. Ecco la versione di una delle poche, felici, voci fuori dal coro.

Vuoi Continuare a Leggere NOTIZIE VERE?

In un'Italia in cui le notizie sono sempre più false e pilotate, noi vogliamo parlare in modo imparziale e onesto.

FAREMO USCIRE FUORI TUTTE LE VERITA'

La verità

L’esperto giornalista si dice “assolutamente convinto che ci sia una simultaneità di operazioni in corso, una delle quali è quella di preparare un nuovo intervento militare americano e israeliano contro la Siria”. Infatti “questa vicenda dei gas appare dubbia nella sua dinamica”. La verità è che abbiamo a che fare con una “menzogna organizzata e amplificata da una delle più importanti agenzie di informazione”. Secondo Chiesa “qualcuno a Washington e a Tel Aviv potrebbe aver organizzato la ripresa del conflitto in Siria per prendersi la rivincita sulla vittoria militare di Assad, aiutato dalla Russia”. In più, “questo evento coincide perfettamente con la bomba di San Pietroburgo. È l’intero Occidente che è contro la Russia, le mani sporche dei servizi segreti occidentali si intuiscono quando di fronte alle stragi, come quella di San Pietroburgo, non vengono neanche illuminati i monumenti, come sempre fatto in passato in occasioni del genere”.

Nessun dubbio

“Il bombardamento – continua l’intervista – c’è stato, come c’è stato in Iraq pochi giorni fa con 200 morti passati sotto silenzio. La questione chiave è quella del gas che viene sistematicamente ripetuta ogni volta che serve per rilanciare la guerra. È stata costruita dai servizi segreti occidentali, su questo non ho nessun dubbio. È stato un pretesto”.

Il complotto

“È assolutamente improbabile, se non impossibile, che Assad abbia commesso una sciocchezza del genere che sarebbe totalmente contro il suo interesse. Qualcun altro ha giocato questa partita e la presenza dei caschi bianchi sul luogo dimostra che sapevano cosa stava per accadere”.

Una nuova guerra all’orizzonte

“Una discussione, che farà da cassa di risonanza per invadere il mondo di un’altra ondata di fake news contro la Russia e contro Assad. Naturalmente qualunque tentativo di risoluzione sarà bloccato dalla Russia e dalla Cina, ma adesso accuseranno Putin di aver insanguinato ancora una volta quel posto e di aver ucciso i bambini. Ormai sappiamo a memoria come funzionano queste cose”.

Cerchiamo di farci quella domanda in più, di non credere a tutto quel che ci viene detto. Grazie al prezioso contributo di Giulietto Chiesa, una delle poche voci anti-sistema che arricchiscono un deprimente dibattito pubblico che va dove tira il vento del denaro.

Leave a Comment